LA VITAMINA D

 

CHE COSA E LA VITAMINA D?

La vitamina D, conosciuta anche come “la vitamina del sole” è un importantissimo micronutriente che, in condizioni ottimali, entra in gioco in diversi importanti processi quali:

  • Rafforzamento osso
  • Assorbimento del calcio nell’intestino
  • Riassorbimento di calcio e fosforo a livello renale
  • Riassorbimento di calcio e fosforo a livello renale
  • Sviluppo osseo nei bambini

CAUSE DELLA CARENZA DI VITAMINA D

Sono diverse le cause che provocano la carenza di vitamina D, alcune dipendono da fattori ambientali mentre altre da fattori comportamentali:

  • Inadeguata esposizione al sole
  • Vivere in zone nordiche o comunque molto distanti dall’equatore
  • Insufficiente apporto con la dieta
  • Pelle scura
  • Alterato assorbimento a livello intestinale
  • Alcune malattie epatiche o renali che compromettono la conversione di vitamina D nella sua forma attiva
  • Terapia con farmaci che interferiscono col metabolismo della Vitamin D tra cui antivirali, antifungini, anticonvulsivanti ecc.
  • Aumentato fabbisogno.

FATTORI DI RISCHIO

Oltre alle cause già citate vi sono altri fattori di rischio che possono portare ad una carenza di vitamina D:

-Obesità: Il grasso riduce la biodisponibilità della vitamine

-Alcolismo

-Fumo:

-Vecchiaia: la cute perde parte della sua capacità di produrre vitamina D

-Osteoporosi

-Insufficienza renale o epatica

-Per i bambini l’allattamento al seno per un periodo prolungato di tempo

-morbo di Crohn

-celiachia

-Bypass gastrico

-Linfoma

SINTOMI DELLA CARENZA DI VITAMINA D

Non è facile individuare in maniera sicura senza un apposito test la carenza di vitamina D, essa si palesa con sintomatologia certa solo quando si trova a dei livelli davvero bassi.

Tra i sintomi che potrebbero far suonare il campanello di allarme troviamo:

  • Dolore osseo ed articolare
  • Spasmi e debolezza muscolare
  • Fragilità ossea
  • Stanchezza e astenia ricorrente
  • Difficoltà di pensiero

CONSEGUENZE DELLA CARENZA DI VITAMINA D

La carenza di Vitamina D può avere conseguenze molto gravi. Per questo motivo questa condizione non dovrebbe essere assolutamente sottovalutata.

-Rachitismo: deformazione ossea che colpisce molti bambini ogni anno. Esso è più diffuso nei bambini di pelle scura.

-Osteomalacia: indebolimento osseo che le rende dolenti e più inclini a rompersi

-Osteoporosi

– Problemi cardiovascolari

-Periodontite: infiammazione delle ossa di sostegno ai denti che se degenera ne provoca la caduta

-effetti immunosoppressori

-Insulino resitenza

-Stati depressivi: gli studiosi stanno cercando una correlazione tra carenza di vitamina d e depressione

ALIMENTI RICCHI DI VITAMINA D

-olio di fegato di merluzzo

-Tuorlo d’uovo

-Latte, compreso latte di soia

-Burro

-Funghi

-Diverse tipologie di pesce

DOSE ELEVATE DI VITAMINA D

Bisogna fare attenzione a non assumere livelli troppi elevati di vitamina D e consultare un medico prima di intraprendere una terapia a base di integratori. Questo sovradosaggio può generare fenomeni altamente tossici nel nostro organismo.

Tra le possibili conseguenze di sovradosaggio troviamo:

-Calcoli renali

-Problemi cardiaci

-Perdita dell’appetito e conseguente perdita di peso

-Senso di debolezza a livello muscolare

-Vomito, diarrea o stitichezza

-Stato confusionale

Lascia un commento